Qual è il problema dell'attesa, quando parliamo dei trattamenti odontoiatrici?

Annuncio - Studio dentistico Irena Lušičić, Marketing

Si deve fare un accento sull'importanza di programmare le fasi di un trattamento dentale. Alcuni trattamenti dentali, specialmente i trattamenti multidisciplinari quali comportano più procedure, possono richiedere un certo numero di fasi ed essere piuttosto costosi. Una grande parte del trattamento riuscito è informare il paziente dei tempi delle fasi coinvolte e fargli sapere la importanza di accettarlo. Si deve cercare sempre di rendere i pazienti consapevoli di quanto tempo possa essere permesso di passare prima della loro prossima visita.

Ciò è particolarmente importante per i casi che coinvolgono gli impianti e i denti che necessitano un parodontologo, un endodontista, un chirurgo orale o un ortodontista. I pazienti generalmente vengono informati che le visite dovrebbero essere eseguite su un orario determinato. Per alcuni il tempo non è critico ma per altri può fare la differenza tra un risultato buono e uno sgradevole.

Detto questo, le persone generalmente tendono ad essere impegnate con le loro vite e non iniziano la fase successiva nel tempo raccomandato. Per esempio, esaminiamo un caso di un paziente che ha cominciato i trattamenti tre anni fa con un incisivo centrale rotto che aveva bisogno di un nuovo attacco e corona e anche di una procedura di allungamento della corona per assicurare che il suo restauro finale avrebbe una struttura dentale forte e solida a lungo termine. Dopo aver cementato l’attacco nel suo posto e installato un provvisorio, doveva fare l’appuntamento con il parodontologo, per avere la procedura di allungamento della corona, il più presto possibile. L'allungamento della corona era necessario per esporre una struttura dentale addizionale per sostenere il suo restauro finale e rendere meno probabile una frattura del dente.

Il paziente stava affrontando alcuni problemi personali che rendevano difficile permettergli sia il tempo che il denaro necessari per ulteriori visite e non era in grado di farsi convincere a vedere il parodontologo come richiesto. È tornato sei mesi dopo con lo stesso dente fratturato di nuovo, ma questa volta non c’era rimasto abbastanza dente sulla superficie frontale perché il dente potesse essere restaurato. Adesso c’era bisogno di rimuovere il dente.

Quando ha ricevuto questa notizia, il paziente è diventato comprensibilmente sconvolto. L'aveva rassicurato il fatto che tutto sarebbe andato bene facendo un calco conservatore per sostituire immediatamente il suo dente mancante e iniziando a formulare un piano B. Alla fine la decisione era di rifare i restauri anche sui denti adiacenti e ora due anni dopo il trattamento è completato. Anche se la sua storia ha un lieto fine, mostra dettagliatamente perché il trattamento ritardato può causare problemi e finire per costare più tempo e denaro a lungo termine.